Cacao o cioccolato fondente: Aspetti nutrizionali benefici

Cacao o cioccolato fondente Aspetti nutrizionali benefici

CACAO O CIOCCOLATO FONDENTE: ASPETTI NUTRIZIONALI

Il cacao ha una funzione tonica nei soggetti che necessitino di una moderata stimolazione del sistema nervoso o di un rapido apporto energetico.

I diabetici si potranno giovare del cacao o cioccolato amaro. La ragione di questa possibilità di impiego sarà dovuta alla presenza nel cacao di una quota di lipidi che rallentano l’assorbimento intestinale degli zuccheri e moduleranno il rialzo glicemico. Attenzione, in questi soggetti solo cacao/ cioccolato amaro ma non di quello al latte 

In funzione depressiva agirà il triptofano, utile anche per sostenere la fase progestinica del ciclo femminile.

Come interviene nella terapia nutrizionale il cacao

Diversi studi clinici indicano che, grazie alla componente polifenolica, in particolare alla frazione flavonoica di cui il cacao è ricco, e alle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, suggeriscono che il cacao gioca un ruolo nella prevenzione di patologie croniche quali malattie:

Cardiovascolari

Al cacao sono stati riferiti effetti benefici sul sistema cardiovascolare; infatti, non solo i flavonoidi ma anche la teobromina svolge un ruolo determinante nell’aumento dei livelli plasmatici di colesterolo HDL e nella contemporanea diminuzione della concentrazione di LDL. 

Diabete

Alcuni studi evidenziano come i polifenoli abbiano un’azione positiva in patologie sel sistema endocrino, come ad esempio il diabete. Concorrono a tali effetti non solo le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, e il miglioramento del sistema lipidico e delle funzioni vascolari, ma anche meccanismi più specifici. In particolare, il cacao e i suoi principali flavonoidi contribuiscono a prevenire o ritardare l’insorgenza di diabete di tipo 2 modulando la secrezione di insulina dalle cellule beta del pancreas, migliorando la sensibilità all’insulina nelle cellule di fegato, tessuto adiposo e muscolatura scheletrica. Effetto positivi anche si riscontrano in soggetti ipertesi. 

Obesità

I polifenoli del cacao sono risultati utili anche nella prevenzione dell’obesità attraverso la modulazione del profilo lipidico e l’aumento della termogenesi nelle cellule epatiche e del tessuto adiposo bianco. In questi casi è prudente scegliere prodotti con una formulazione a ridotto contenuto lipidico e/o addizionati con edulcoranti.

Malattie neurodegenerative 

Si è osservato che il consumo quotidiano di cacao ricco in flavonoidi è in grado di promuovere il flusso sanguigno e la perfusione del cervello con potenziali effetti preventivi verso patologie di natura cerebrovascolare, quali demenza e ictus.

Il cacao non ha solo effetti positivi nella prevenzione di malattie neurodegenerative in soggetti sani, ma anche in significativi miglioramenti delle funzioni cognitive in anziani con lievi disturbi della memoria.

CONTROINDICAZIONI:

·      La ricchezza di acido ossalico e calcio sconsiglierà l’impiego del cacao nella calcolosi o insufficienza renale.

·      Sconsigliato anche in gotta conclamata e in soggetti insonni (soprattutto se consumato in orari serali)

·      Sconsigliato anche in soggetti con patologie epatiche, come l’epatite acuta o la cirrosi.

·    Gli acidi fenolici possono ridurre la biodisponibilità degli aminoacidi e l’inibizione di alcuni enzimi, limitando l’azione e la biodisponibilità della vitamina B1

·   Il cacao contiene quantitativi di nickel sufficienti a scatenare reazioni allergiche in individui particolarmente predisposti.

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Dott. Massimo d'Angelo nutrizionista

Dott. Massimo d'Angelo

DIETISTA NUTRIZIONISTA

Milano, Viale Vittorio Veneto 22. Tel. 02 80889691

Noventa Padovana (PD), Via Risorgimento 14. Tel. 049 4907375

Grasso viscerale emergenza sanitaria

Grasso viscerale: Emergenza sanitaria

Il grasso viscerale è un vero e proprio organo endocrino e dal punto di vista istologico è un tessuto connettivo, ovvero di sostegno e di connessione fra organi e parti di organi.
Questo tessuto adiposo è costituito da adipociti che sono incaricati di sintetizzare i trigliceridi, immagazzinarli e rilasciarli in caso di bisogno sotto forma di acidi grassi e glicogeno.

Leggi di più