Come aiutare gli atleti a ridurre lo stress ossidativo con la dieta

Gli atleti sono esposti a una grande quantità di stress ogni giorno. È facile associare la pratica di un’attività sportiva con effetti positivi sulla salute generale ad un effetto protettivo nei confronti di un buon numero di patologie. Ma l’attività fisica induce la produzione di radicali liberi che, in eccesso e non compensati, attaccano le cellule: questo si chiama “stress ossidativo”. Lo stress ossidativo è uno squilibrio tra la produzione di radicali liberi (dannosi) e la quantità di antiossidanti che l’organismo può utilizzare per difendersi. In questo articolo discuteremo i modi in cui gli atleti possono ridurre lo stress ossidativo e mantenere una buona salute.

  1. Cos’è lo stress ossidativo

Lo stress ossidativo è l’insieme delle aggressioni causate dalle molecole derivate dall’ossigeno alle cellule del nostro corpo. La più nota di queste sostanze dannose per i costituenti delle nostre cellule sono i radicali liberi. Le alterazioni cellulari provocate sono responsabili dell’invecchiamento cellulare precoce e potrebbero essere associate ad alcune malattie. Gli antiossidanti sono infatti le molecole in grado di combattere efficacemente i radicali liberi neutralizzandoli. 

L’ossigeno, presente nell’aria che respiriamo, è una molecola essenziale per la vita. L’ossigeno è però un elemento paradossale che costituisce il carburante, l’energia delle cellule del nostro corpo ma che comporta al contrario reazioni di ossidazione producendo radicali liberi. Lo stress ossidativo riflette tutti gli attacchi ai costituenti delle nostre cellule da parte di sostanze reattive derivate dall’ossigeno. Questi radicali liberi e, più in generale, lo stress ossidativo danneggiano il DNA presente nelle nostre cellule e favoriscono l’invecchiamento cellulare. La produzione di radicali liberi è favorita in particolare dall’inquinamento, da una dieta squilibrata, dal fumo, dal sole, dallo sport eccessivo o dallo stress.

  1. Quali sono i sintomi dello stress ossidativo

Quando le cellule sono colpite dallo stress ossidativo, possono comparire vari sintomi. Uno dei più visibili e conosciuti è l’invecchiamento cutaneo accelerato, ma non è l’unico.

Stress ossidativo e pelle:

La pelle, e in particolare l’epidermide, il suo strato più esterno, è costantemente sottoposta a stress ossidativo, poiché è a diretto contatto con agenti esterni aggressivi, come l’inquinamento o i raggi UV. In caso di stress ossidativo, i lipidi di questa pellicola vengono degradati e non svolgono più il loro ruolo. 

Inoltre, sia in superficie che negli strati più profondi della pelle, i radicali liberi impediscono il rinnovamento delle proteine, tra cui il prezioso collagene, responsabile della morbidezza e dell’elasticità del tessuto cutaneo. Infine, lo stress ossidativo danneggia anche il funzionamento dei mitocondri, le piccole fabbriche di energia delle nostre cellule, e il DNA in essi contenuto. I sintomi che ne derivano sono:

  • rughe e rughette premature,
  • una carnagione poco luminosa,
  • cedimento della pelle, che può verificarsi già a partire dai 30 anni,
  • malattie della pelle come la psoriasi o la dermatite atopica.

Sintomi più generali a livello di organismo
Una volta compreso che lo stress ossidativo può colpire qualsiasi tipo di cellula, è facile capire che tutte le parti del corpo possono essere interessate. Questo può quindi assumere la forma di:

  • una stanchezza generale e cronica. Infatti, sotto l’effetto dello stress ossidativo, i mitocondri non svolgono più il loro ruolo e l’organismo ha quindi maggiori difficoltà a sfruttare le proprie risorse energetiche.
  • disturbi della circolazione sanguigna. I lipidi ossidati tendono a depositarsi sulle pareti dei vasi sanguigni, creando l’aterosclerosi.
  • insonnia: lo stress ossidativo tende a degradare la serotonina. Eppure questo neurotrasmettitore è essenziale per mantenere un sonno di qualità.
  • complicazioni durante la gravidanza, dovute alla degenerazione di alcune cellule della placenta.
  • un aumento dell’infertilità sia negli uomini che nelle donne.

Cosa ci può aiutare a ridurre lo stress ossidativo e combattere la lesione muscolare

Un nuovissimo studio italiano ha indagato su una miscelta del tutto naturale.

Lo stress ossidativo e l’autofagia compromessa sono direttamente e indirettamente implicati nella lesione muscolare mediata dall’esercizio. Trealosio, spermidina, nicotinamide e polifenoli possiedono proprietà pro-autofagiche e antiossidanti e potrebbero quindi ridurre il danno indotto dall’esercizio al muscolo scheletrico. Lo scopo di questo nuovo studio italiano era indagare se una miscela di questi composti fosse in grado di migliorare i marcatori delle lesioni muscolari negli atleti di resistenza attraverso la modulazione dello stress ossidativo.

Rispetto al basale, l’assunzione della miscela ha portato a una notevole riduzione dello stress ossidativo e all’autofagia. Infine, dopo il periodo di integrazione di 30 giorni, è stata riscontrata una significativa diminuzione dei marcatori di lesioni muscolari.

 

Cerchiamo di capire insieme cosa ci dice lo studio.

L’integrazione con antiossidanti può essere una valida strategia per mitigare lo stress muscolare indotto dall’esercizio. Molte prove supportano gli effetti benefici dell’integrazione con polifenoli derivati dalla frutta, che si verificano attraverso un meccanismo molto probabilmente correlato agli effetti antiossidanti e vascolari. Tra i nutrienti ricchi di polifenoli, le fave di cacao sono ricche di polifenoli, in particolare catechina ed epicatechina. Uno studio precedente ha dimostrato che l’integrazione di nutrienti ricchi di polifenoli con cioccolato fondente modulava positivamente lo stress ossidativo e riduceva i marcatori di lesioni muscolari indotte dall’esercizio negli atleti di calcio d’élite. Inoltre, studi in vitro supportano l’effetto positivo dei polifenoli derivati dal cacao, poiché le linee cellulari di mioblasti del muscolo scheletrico trattate con estratti di polifenoli hanno mostrato una riduzione dello stress ossidativo e dei livelli di marcatori di lesioni muscolari.

In questo studio incrociato, sono stati riscontrati cambiamenti nei parametri di lesione muscolare dopo l’assunzione della miscela, come dimostrato dalle significative diminuzioni dei livelli di mioglobina. Inoltre, dopo un intervento di 30 giorni con la miscela, gli atleti hanno mostrato livelli ridotti di marcatori dello stress ossidativo. Al contrario, gli atleti di resistenza che non hanno ricevuto il trattamento con la miscela hanno mostrato gli stessi alti livelli di marcatori di stress ossidativo e lesioni muscolari dopo 30 giorni rispetto al basale.

TREALOSIO

Recenti studi hanno dimostrato che l’ingestione di una soluzione di trealosio, come fonte di carboidrati, aiuta il mantenimento della prestazione nelle fasi successive dell’esercizio prolungato rispetto alla soluzione di glucosio. Tuttavia, gli studi che ne hanno esaminato le proprietà negli atleti sono ancora limitati.

Conclusioni:

Conclusione: l’integrazione con questa miscela ha influito positivamente sullo stress ossidativo e sull’autofagia e ha migliorato i marcatori delle lesioni muscolari negli atleti, consentendo un migliore recupero muscolare. Inoltre, si ipotizza che questa miscela possa giovare anche a pazienti affetti da lesioni muscolari, come malati di cancro o cardiovascolari, o soggetti anziani.

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Dott. Massimo d'Angelo nutrizionista

Dott. Massimo d'Angelo

DIETISTA NUTRIZIONISTA

Visite specialistiche: Milano, Padova, Bologna e Firenze

Tel. 3277728159

Alimentazione sana e corretta

Alimentazione sana e corretta

Basta ricordare che nessun alimento deve essere escluso da una sana dieta alimentare l’importante è non esagerare nelle quantità e assumere porzioni maggiori di frutta verdura e cereali e minori di carne formaggi dolci e grassi

Leggi di più

Dimagrimento localizzato: cosa funziona

Molte persone vorrebbero eliminare la pancetta con gli addominali ma è poco controllabile decidere dove perdere peso. Attenzione a non esagerare: l’acido lattico ostacola lo smaltimento del grasso

Leggi di più

Cosa sapere sull’endometriosi

L’endometriosi è una condizione medica grave e spesso dolorosa che colpisce milioni di donne in tutto il mondo. Si stima che fino al 10% delle donne in età riproduttiva siano affette da endometriosi, una malattia cronica che può causare dolore cronico, infertilità e altri sintomi.

Leggi di più

I benefici del vino per la salute

Da millenni, il vino è stato una parte fondamentale della nostra cultura e della nostra vita. Conosciuto come un prodotto ricco di storia, tradizione e sapore, il vino può anche offrire una serie di benefici per la salute se consumato con moderazione.

Leggi di più