Miele e alimentazione pediatrica

Miele e alimentazione infantile

L’utilizzo del miele nell’alimentazione pediatrica presenta delle controversie.

Sebbene diversi studi abbiano dimostrato che la somministrazione in bambini piccoli porta a:

⁃            un aumento del peso

⁃            una diminuzione del rischio di malattie

⁃            un aumento del tenore di emoglobina

⁃            un miglioramento del calcio  

Rimane il rischio della contaminazione da parte del batterio clostidium botolinum, le cui spore possono sopravvivere nel miele e trasformarsi nella forma vegetativa (capace di produrre la tossina botulinica), nello stomaco dei bambini, causando fenomeni di botulismo infantile.

 

Questa grave patologia colpisce bambini al di sotto dei 12 mesi di età in seguito all’ingestione di spore che possono trovarsi nei terreni, nella polvere e nel miele.

Le spore arrivate nel colon ritrovano le condizioni ideali per consentire la crescita del batterio, che a sua volta produce la tossina; questa catena di eventi origina l’intossicazione, che in alcuni casi può risultare fatale.

Le caratteristiche della flora intestinale, le anomalie della secrezione intestinale e le alterazioni della risposta immunitaria favoriscono la germinazione delle spore. 

 

A seguito dei casi segnalati di botulismo infantile, alcuni produttori di miele indicano in etichetta la dicitura << non somministrare ai neonati sotto i 12 mesi di età >>.

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Dott. Massimo d'Angelo nutrizionista

Dott. Massimo d'Angelo

DIETISTA NUTRIZIONISTA

Milano, Viale Vittorio Veneto 22. Tel. 02 80889691

Noventa Padovana (PD), Via Risorgimento 14. Tel. 049 4907375

Grasso viscerale emergenza sanitaria

Grasso viscerale: Emergenza sanitaria

Il grasso viscerale è un vero e proprio organo endocrino e dal punto di vista istologico è un tessuto connettivo, ovvero di sostegno e di connessione fra organi e parti di organi.
Questo tessuto adiposo è costituito da adipociti che sono incaricati di sintetizzare i trigliceridi, immagazzinarli e rilasciarli in caso di bisogno sotto forma di acidi grassi e glicogeno.

Leggi di più