Ashwagandha: proprietà, benefici e controindicazioni

Adattogeno capace di modulare naturalmente l'ansia e migliorare il sistema immunitario e le capacità atletica degli sportivi

La Ashwagandha è una pianta utilizzata da secoli nella medicina tradizionale indiana per i suoi numerosi benefici per la salute. In questo articolo, esploreremo brevemente l’origine della Ashwagandha e le sue proprietà benefiche. Scopriremo come l’integrazione di Ashwagandha può aiutare a ridurre lo stress e l’ansia, migliorare la funzione cerebrale e la memoria, aumentare l’energia e la resistenza fisica, nonché regolare il sistema immunitario. Tuttavia, è importante sottolineare che consultare un medico o un esperto prima di iniziare l’assunzione di Ashwagandha come integratore è fondamentale, poiché potrebbero esserci controindicazioni o interazioni con altri farmaci.

Aumento dell’energia e della resistenza fisica con l’integrazione di Ashwagandha

Un aiuto per migliorare l'energia e la resistenza negli sportivi L’integrazione di Ashwagandha può contribuire ad aumentare l’energia e la resistenza fisica.

  • aiuta ad equilibrare il sistema endocrino e favorisce la produzione di energia nelle cellule del corpo. 
  • ridurre l’affaticamento e migliorare la capacità di resistere allo stress fisico. Studi hanno dimostrato che l’assunzione regolare di ashwagandha può migliorare le prestazioni fisiche, aumentare la forza muscolare e migliorare la resistenza durante l’esercizio fisico. 

Riduzione dello stress e dell’ansia con l’assunzione di Ashwagandha

Capacità di migliorare l'ansia e lo stressE’ stata utilizzata per secoli nella medicina Ayurvedica come rimedio naturale per ridurre lo stress e l’ansia. Recenti studi hanno dimostrato che l’assunzione di Ashwagandha può effettivamente: 

  • aiutare a ridurre i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress nel corpo, migliorando così la salute mentale e fisica. 
  • aumentare i livelli di serotonina, il neurotrasmettitore responsabile del benessere e della felicità, riducendo ulteriormente i sintomi dell’ansia e della depressione. 

L’effetto calmante della Ashwagandha è stato paragonato all’effetto dei farmaci ansiolitici, ma senza gli effetti collaterali negativi

Miglioramento della funzione cerebrale e della memoria

Aiutare a migliorare le funzione cognitiveContiene composti chiamati withanolidi, che sono stati dimostrati avere effetti neuro-protettivi e migliorare la funzione cognitiva. Uno studio ha dimostrato che l’assunzione di Ashwagandha ha migliorato le prestazioni cognitive e la memoria di persone con disturbi cognitivi legati all’età. Tuttavia, gli studi sull’effetto di Ashwagandha sulla funzione cerebrale e la memoria sono ancora in corso e non sono conclusivi

Regolazione del sistema immunitario con l’assunzione di Ashwagandha: come funziona

Proprietà antinfiammatori. Migliora il sistema immunitarioTra i suoi molteplici effetti positivi, l’assunzione di Ashwagandha può aiutare a regolare il sistema immunitario. Questo avviene grazie alle sue proprietà immunomodulanti, che permettono di rafforzare le difese dell’organismo e di equilibrare la risposta immunitaria. Gli studi hanno dimostrato che l’integrazione di Ashwagandha può aumentare l’attività delle cellule natural killer, responsabili della distruzione delle cellule infette o cancerose nel corpo. Inoltre, la pianta ha anche mostrato proprietà antinfiammatorie, che possono contribuire a ridurre l’infiammazione cronica e a promuovere un sistema immunitario sano. 

Attenzione alle controindicazioni: consultare un medico o un esperto prima di iniziare l’assunzione di Ashwagandha come integratore

L’assunzione di Ashwagandha come integratore può portare a numerosi benefici per la salute, tuttavia è importante prestare attenzione alle controindicazioni prima di iniziare l’assunzione. Sebbene sia considerata una pianta sicura, può interagire con alcuni farmaci e causare effetti collaterali indesiderati. In particolare: 

  • le persone che assumono farmaci antinfiammatori, sedativi o antidepressivi dovrebbero consultare il proprio medico prima di assumerlo come integratore. 
  • le donne in gravidanza o che allattano e le persone affette da malattie autoimmuni dovrebbero evitare l’assunzione senza prima consultare un medico esperto. 

Infine, è importante tenere presente che l’assunzione di dosi elevate di Ashwagandha può causare nausea, diarrea e vomito. Per questo motivo, è fondamentale seguire le dosi consigliate e consultare un medico o un esperto prima di iniziare l’assunzione di Ashwagandha come integratore.

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Dott. Massimo d'Angelo nutrizionista

Dott. Massimo d'Angelo

DIETISTA NUTRIZIONISTA

Visite specialistiche: Milano, Padova, Bologna e Firenze

Tel. 3277728159